Il CDC ammette una “possibiltà” che i vaccini causino autismo anche se “raramente”

Il Dr. William Thompson, epidemiologo ricercatore del CDC, ente americano corrispondente al nostro Istituto Superiore di Sanità, la scorsa settimana ha ammesso, suscitando grande clamore,  di aver omesso insieme a suoi colleghi del CDC  i dati che collegavano il vaccino MPR – contro morbillo, parotite e rosolia – in uno studio condotto nel 2004 che aveva poi provato l’assenza di ogni legame tra vaccini e autismo.

Thompson ha anche dichiarato:

“Mi pento di aver omesso insieme ai coautori dello studio informazioni statisticamente significative.”

Dr. Frank DeStefano

Il coautore dello studio in questione, il Dr. Frank DeStefano, direttore dell’Ufficio per la sicurezza delle vaccinazioni del CDC, in un’intervista telefonica di cui alleghiamo la registrazione ha commentato le rivelazioni di Thompson continuando a difendere lo studio e le sue conclusioni, ma riconoscendo la possibilità che i vaccini possano, sebbene raramente, scatenare l’autismo. Con voce e tono decisamente imbarazzato, ha risposto così alla precisa domanda della giornalista che gli chiedeva se i vaccini potevano costituire un fattore scatenante per l’autismo in un particolare gruppo di bambini:

“Credo, che, che sia una possibilità. E’ difficile prevedere quali  siano quei bambini, ma di certo i singoli casi possono essere studiati per considerare questa possibilità.”

Si tratta di una ammissione veramente pesante, che viene da un alto funzionario della salute pubblica di un ente, il CDC, che per quasi 15 anni non ha fatto che negare con determinazione un  qualsiasi possibile legame tra vaccini e autismo.  Si ammette adesso la possibilità che i vaccini possono essere anche in parte responsabili per l’autismo, in singoli casi e questo non è qualcosa che i funzionari della sanità pubblica possono omettere di affrontare. Ai genitori dovranno  anche spiegare cosa significa quel “raramente” e cosa stia concretamente facendo la comunità scientifica per individuare i bambini a rischio.

Che dire: da quando ho letto questa notizia non posso smettere di pensarci. Questi uomini di scienza, questi MEDICI, sapevano che c’era un legame tra vaccini e autismo, eppure affermavano pubblicamente, con una sicurezza incrollabile, che così non era, che non c’era nessuna connessione. Mentivano e sapevano di mentire. Mentivano sulla pelle di bambini innocenti, bambini con una suscettibilità maggiore, mettendoli deliberatamente a rischio di contrarre questa terribile malattia. Come non chiamarli criminali?

Ornella T.

 FONTI

Ascolta l’intervista al Dr. DeStefano

http://sharylattkisson.com/cdc-possibility-that-vaccines-rarely-trigger-autism

http://annedachel.com/2014/09/02/sharyl-attkisson-destefano-says-theres-a-possibility-that-vaccines-rarely-trigger-autism/

http://www.ageofautism.com/2014/09/cdc-admits-possibility-vaccines-rarely-trigger-autism.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...